Premessa

UELCAM!

Caro Visitatore, benvenuto nel MIO blog.
Se non ti piace, sei libero di digitare altro
nella tua barra degli indirizzi.
Non frantumare le mie povere ovaie
con inutili commenti idioti,
perché verranno prontamente eliminati.
Soprattutto se anonimi o grammaticalmente sbagliati.
Quindi: o la prendi con ironia o la prendi nel culo.
A te la scelta.
Poi, de gustibus...
Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 30 giugno 2006

Sei di destra o di sinistra? Scoprilo adesso!

Un sito sul web ti aiuta a scoprirlo con pochi semplici click

Sei di destra o di sinistra? Se non lo sai con certezza puoi utilizzare un'applicazione online che misura con buona approssimazione la tua area di appartenenza politica e che si trova sul sito www.voisietequi.it.

Il suo funzionamento è molto semplice: l'utente viene infatti invitato a rispondere a 25 quesiti di politica nazionale o internazionale. In base alle sue preferenze viene collocato all'interno di una mappa in cui sono presenti i maggiori partiti politici italiani. Ma a sorpresa è facile scoprirsi molto vicini a Rifondazione pur essendo intenzionati a votare Margherita. Così come non mancano i casi in cui chi crede di appartenere al centrosinistra si ritrova catapultato nell'aerea avversaria.

L'iniziativa è stata lanciata qualche giorno fa da openpolis.it, un gruppo di volontari che sta lavorando su un progetto Wiki molto innovativo, con l'obiettivo di sviluppare una rete di informazioni sui candidati politici, i loro programmi, le loro iniziative e il loro lavoro. In base alle linee guida del progetto tutti possono contribuire a fornire e modificare le informazioni sui 140.000 rappresentanti politici eletti in Italia. Le informazioni raccolte dovranno servire per monitorare voti e attività parlamentari di ogni eletto ma anche per confrontare le posizioni di politici, partiti e coalizioni su determinati temi. Il fine ultimo è anche quello di costruire uno strumento per comunicare con i rappresentanti eletti e con gli altri utenti.

Nel manifesto del servizio infatti si legge: «OpenPolis vuole monitorare l'attività politica e istituzionale dei politici italiani, favorire la comunicazione paritaria tra rappresentanti e cittadini, promuovere la formazione di comunità di utenti rispetto a tematiche e territori mettendo a disposizione strumenti ad hoc per il lobbying comunitario e l'azione comune».

Ma davvero un progetto Wiki incentrato sulla politica riuscirà a far parlare persone di opposti schieramenti quando i leader delle due coalizioni si sono dovuti imporre regole ferree prima di incontrarsi in tv? Nessuno lo sa con certezza. Quello che è sicuro è che il servizio voisietequi è stato preso d'assalto dagli utenti sul web e i suoi sviluppatori stanno lavorando duramente per potenziarlo e renderlo dunque accessibile a un pubblico più vasto.

Nessun commento:

Posta un commento